Nuovo Bando Servizio Civile Universale

Si sono riaperti i bandi per la selezione dei giovani volontari del Servizio Civile Universale. Per presentare la domanda la scadenza è fissata per mercoledì 26 gennaio 2022 alle ore 14:00. La Comunità di San Martino al Campo rinnova, come ogni anno, la disponibilità ad accogliere 12 ragazzi attraverso tre distinti progetti, inseriti in programmi più ampi:

PROGETTI

PROGRAMMI

  1. Non uno di meno

Non uno di meno

  1. PHP: People Have the Power

Immaginabili risorse

  1. ISO: Indipendenze Sociali

Salute e benessere per tutti

Gli aspiranti volontari (che devono avere un’età compresa tra i 18 e i 28 anni) devono presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it dove, attraverso un semplice sistema di ricerca con filtri, è possibile scegliere il progetto per il quale avanzare la candidatura.

Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione domanda sulla piattaforma DOL occorre che il candidato sia riconosciuto dal sistema.

1 – I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede. Per la Domanda On-Line di Servizio civile occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2.

2 – I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, se non avessero la disponibilità di acquisire lo SPID, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo una procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

Prima di candidarti per un progetto leggi attentamente:

Bando ordinario 2021: https://www.politichegiovanili.gov.it/media/lg2nbb0u/bando-ordinario_2021_13dic2021-signed.pdf

Guida per la compilazione e la presentazione della Domanda On Line con la piattaforma: https://www.scelgoilserviziocivile.gov.it/media/1168/guida_dol_bando2021.pdf

Per qualsiasi ulteriore informazione contatta la Comunità di San Martino al Campo al numero 040 774186 (dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 13:00) oppure scrivi una e-mail all’indirizzo: miriam@smartinocampo.it

Di seguito la descrizione dei tre progetti realizzati nella Comunità di San Martino al Campo:

PHP: People Have the Power (Programma: Immaginabili risorse)

All’interno della Comunità di San Martino al Campo il progetto PHP si realizza nel supporto e nel potenziamento di due servizi diversi e integrati, entrambi dedicati a persone (giovani e adulti) con disabilità mentale e/o psichica, che fanno riferimento alla stessa sede (Trieste – via Brandesia, 23).

Il primo è un servizio di accoglienza residenziale presso una bella villetta (Casa Brandesia) con un ampio giardino, sita nel rione di San Giovanni (via Brandesia) nella quale le persone possono abitare per un periodo di tempo non superiore ai 24 mesi, sperimentando la vita di comunità, con l’obiettivo di acquisire o recuperare le competenze necessarie per poi andare ad abitare e per gestirsi in autonomia. La Casa è organizzata sul modello familiare, sia per la capienza – otto ospiti al massimo – sia per i ritmi quotidiani.

I giovani volontari del Servizio Civile affiancheranno un équipe di cinque educatori professionali e collaboreranno alla gestione e realizzazione del progetto riabilitativo. In particolare accompagneranno le persone accolte nel loro percorso verso l’autonomia, sostenendole sia nelle attività quotidiane all’interno della Casa (cura di sé, preparazione dei pasti, riordino e pulizie, momenti di relax, ecc.) sia nelle attività esterne (accompagnamenti, gite, varie attività del tempo libero).

Il secondo servizio – denominato Progetto Snodo – è parte di un più ampio progetto di Centro Diurno Diffuso cui partecipano, in rete, numerose associazioni convenzionate con il locale Dipartimento di Salute Mentale. Obiettivo del Progetto SNODO è quello di individuare e proporre attività e iniziative ludiche, ricreative, culturali e sportive offerte dal territorio ad un gruppo di persone con disabilità mentale seguite dai Centri di Salute Mentale di Trieste, al fine di prevenire il rischio di isolamento e di promuovere socialità.

I giovani in Servizio Civile affiancheranno quindi un’équipe di volontari coordinati da un’educatrice professionale nella funzione di accompagnare le persone alle varie attività ludico-ricreative, ma anche nella individuazione/creazione di nuove attività sempre finalizzate alla costruzione di una rete di relazioni significative.

OLP (Operatore Locale di Progetto): Chiara Caiello

ISO: Indipendenze Sociali (Programma: Salute e benessere per tutti)

Il progetto “ISO: Indipendenze Sociali” opera in favore di persone che si trovano in una condizione di emergenza abitativa, disagio sociale e povertà economica anche in associazione con situazioni pregresse di dipendenza da gioco, da sostanze legali e illegali. Per raggiungere gli obiettivi riabilitativi e di inclusione sociale ogni percorso individuale viene attivato in accordo con i Servizi Sociali del territorio e, in particolare, con il Dipartimento delle Dipendenze legali e illegali. Nella Comunità di San Martino al Campo questo lavoro finalizzato al reintegro di ogni persona accolta nel contesto sociale di appartenenza, trova concretezza in diverse strutture e diverse modalità di intervento:

Il Polo di via Udine 19, struttura complessa, formata da un Centro Diurno, da un dormitorio (Centro San Martino) e da un dormitorio di secondo livello (Casa Samaria) accoglie in forma residenziale integrata persone in gravi condizioni di marginalità (senza tetto) e di degrado. Un’équipe mista di educatori/operatori professionali e volontari, in rete con i servizi specialistici eventualmente coinvolti, interviene – non solo in un’ottica di “riduzione del danno” e fornendo risposte ai bisogni primari – utilizzando lo strumento dell’ascolto attivo con l’obiettivo di migliorare il più possibile le condizioni di vita delle persone ospitate rendendole consapevoli dei propri diritti e doveri di cittadinanza.

OLP (Operatore Locale di Progetto): Francesca Vucas

La struttura residenziale Villa Stella Mattutina, in via Nazionale 15 a Opicina, accoglie per periodi mediamente di un anno, con uno stile molto familiare, in accordo con i servizi territoriali, persone in condizioni di emergenza abitativa, anche in misura alternativa al carcere o a fine pena, accompagnandole, attraverso un importante lavoro incentrato sulla relazione interpersonale e sulla fiducia, verso il consolidamento dell’astinenza (se provenienti da problematiche legate alle dipendenze) e verso l’autonomia abitativa e lavorativa.

OLP (Operatore Locale di Progetto): Roberto Bestiaco

All’interno di questo progetto i ragazzi in Servizio Civile avranno modo di conoscere più da vicino vissuti di povertà non soltanto materiale e saranno chiamati ad integrare e supportare il lavoro delle équipe educative nelle loro attività quotidiane sia all’interno delle strutture (ad esempio nella preparazione dei pasti, nelle attività di pulizia, nelle riunioni di équipe, nell’organizzazione di attività e piccoli eventi…), sia all’esterno attraverso accompagnamenti a servizi e la condivisione di attività ricreative e culturali sul territorio.

Non uno di meno (Programma: Non uno di meno)

Il progetto “Non uno di meno” ha come destinatari principali ragazzi sotto i 16 anni in condizione di conclamato abbandono scolastico ed ha come finalità il raggiungimento della licenza media.

Si esplica, grazie allo strumento dello studio parentale, attraverso una sorta di “Scuola alternativa”, vera e propria scuola di seconda opportunità – ospitata in una sede del Comune di Trieste in via Molino a Vento 83 – particolarmente attenta all’educazione complessiva dei ragazzi e caratterizzata dall’utilizzo di molte attività laboratoriali che vanno a supportare il percorso di apprendimento.

All’interno di questa specifica attività, i giovani in Servizio Civile avranno vari compiti: sostenere i ragazzi nella didattica, accompagnarli nelle diverse attività laboratoriali, creare con loro delle relazioni che li aiutino a crescere non solo dal punto di vista didattico ma anche nella capacità di relazionarsi e di lavorare in gruppo.

Oltre all’impegno nella “scuola di seconda opportunità” il progetto prevede una parte di lavoro all’interno di alcune scuole medie e superiori del territorio dove la Comunità di San Martino al Campo è impegnata in attività di doposcuola – rivolte a ragazzi a rischio dispersione – e di promozione della cultura della solidarietà e del volontariato.

I ragazzi in Servizio Civile quindi avranno anche modo di operare in questi contesti dove affiancheranno il lavoro degli educatori professionali.

OLP (Operatore Locale di Progetto): Riccardo Taddei

Di seguito i programmi nei quali sono contenuti i progetti in formato PDF:

Non uno di meno

Scarica PDF

Immaginabili risorse

Scarica PDF

Salute e benessere per tutti

Scarica PDF