Ascolto, assistenza, accompagnamento

||Ascolto, assistenza, accompagnamento
Ascolto, assistenza, accompagnamento2018-03-23T15:26:27+00:00

L’area Ascolto e Assistenza raccoglie tutti i servizi della Comunità che rispondono alle richieste di aiuto dei cittadini e/o di nuclei familiari che vivono in situazioni di difficoltà e disagio. Usufruiscono di questi servizi: persone con difficoltà socio-economiche, detenuti ed ex detenuti, persone con disagio mentale, giovani con problemi di abbandono scolastico e/o a rischio devianza, senzatetto, immigrati.

Sportello di Ascolto

Allo Sportello di Ascolto si rivolgono persone e nuclei familiari in situazione di povertà e disagio sociale. Le persone vengono accolte e ascoltate e in tempi relativamente brevi, in base alla gravità della situazione descritta, ricevono una risposta alla richiesta presentata. Se la richiesta non riguarda problemi di tipo economico, la persona viene indirizzata e/o accompagnata ai Servizi o agli Enti competenti.

Unità di Strada

L’Unità di Strada è finalizzata a sostenere persone particolarmente fragili ed emarginate in un percorso orientato ad un’autonomia abitativa e, nei limiti del possibile, economica. L’obiettivo principale è di favorire e supportare percorsi di inclusione sociale attraverso colloqui di sostegno, accompagnamenti presso uffici e presidi socio-sanitari, visite domiciliari, partecipazione ad incontri e progetti in rete con altri servizi.

Centro Smac

Il Centro Smac è uno spazio di aggregazione giovanile attivo dal 2009 ospitato in un’ampia sede messa a disposizione dal Comune di Trieste. E’ aperto due pomeriggi a settimana durante il periodo scolastico e con orario più ampio durante l’estate. Esso intende offrire occasioni di incontro e di relazione positiva a ragazzi delle scuole medie e superiori della città.

Progetto “Non uno di meno”

Il progetto, conosciuto come “Scuola Smac”, prende avvio, in forma sperimentale, nel 2009 e nel 2010 viene inserito nei Piani di Zona del Comune di Trieste. Obiettivo principale del progetto è sostenere ragazzi fuoriusciti dai percorsi scolastici tradizionali fino al conseguimento del diploma di terza media, attraverso una metodologia didattica personalizzata attenta ai loro bisogni educativi e relazionali. Gli insegnanti della Scuola Smac sono tutti volontari, mentre la parte educativa è affidata agli educatori della Comunità e delle cooperative sociali “La Quercia” e “2001 Agenzia Sociale”.

Progetto “Qualcuno con cui correre”

Il progetto “Qualcuno con cui correre” è rivolto ai ragazzi che hanno frequentato la Scuola Smac e che hanno ottenuto il diploma di terza media e prevede un percorso di tutoraggio e approfondimento dei metodi studio durante il primo anno di scuola superiore. I ragazzi che frequentano la Scuola Smac vengono da un’esperienza di abbandono scolastico dovuta alla difficoltà di inserirsi nella metodologia adottata dalla “scuola tradizionale”, inoltre molti ragazzi vivono delle situazioni di disagio familiare e economico. Il progetto prevede un investimento educativo che, partendo da una relazione di fiducia con i ragazzi, permetta di sostenerli nell’affrontare l’esperienza della scuola superiore con maggiore sicurezza e con un adeguato equilibrio. Il progetto, concretamente, prevede di sostenere l’esperienza scolastica dei ragazzi attraverso colloqui individuali, lavori di gruppo, approfondimento delle materie didattiche, e prevede inoltre il coinvolgimento delle famiglie e delle scuole frequentate.

Gruppo Carcere

Il Gruppo Carcere, formato da volontari e operatori della Comunità, fa colloqui di sostegno ai detenuti che ne fanno richiesta, distribuisce generi di prima necessità e piccole somme di denaro ai detenuti non abbienti, realizza attività di gruppo all’interno della Casa Circondariale e organizza momenti di informazione e sensibilizzazione su tematiche inerenti il carcere.

Servizio accoglienza e inserimento “lavoratori di pubblica utilità”

Il lavoro di pubblica utilità è un’attività non retribuita prestata a favore della collettività e fin dal 2008 la Comunità è nell’elenco degli Enti convenzionati con il Tribunale di Trieste e con l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna (UEPE), per l’accoglienza di persone che devono svolgere tale attività. Tale attività rientra nell’ottica di una giustizia riparativa e trova applicazione nei casi di violazione del Codice della strada, della legge sugli stupefacenti, nei casi di sospensione del processo e messa alla prova, come obbligo del condannato ammesso alla sospensione condizionale della pena.

Servizio ritiro alimenti

Da più di dieci anni la Comunità può contare sul generoso contributo in prodotti alimentari freschi da parte delle Cooperative Alleanza 3.0, di alcuni supermercati attraverso il Progetto Siticibo e da parte del Banco Alimentare. Questi prodotti vengono ritirati da un collaboratore della Comunità e successivamente, un gruppo di volontari, si occupa di costituire delle borse della spesa per persone e nuclei familiari in difficoltà segnalati dallo Sportello di Ascolto.

Servizio ristoro in stazione

Dal 2003 alcuni volontari della Comunità si avvicendano nella distribuzione di panini e bibite, calde o fredde a seconda della stagione, a persone indigenti, italiane e straniere, che gravitano nei dintorni della stazione ferroviaria di Trieste.